Associazione L’ALBA – VOLONTARI CONTRO LA DROGA

l'alba_grande.jpg 

L’Associazione L’ALBA nasce nel 1994 grazie alla determinazione di un gruppodi genitori di giovani tossicodipendenti. Con decreto n. 326 del 21/2/1997, l’Associzione viene iscritta all’albo regionale Sezione Servizi Sociali.

 

“L’ALBA” nasce poichè ci sono i tossicodipendenti. Ragazzi che vivono un dramma più grande di loro e di conseguenza creano danni alla famiglia e alla socitetà tutta.”
Così per motivazioni soprattutto personali, da genitori decisi ad affrontare una situazione drammatica, si costituisce L’Associazione L’ALBA, che a quasi 10 anni dalla sua nascita continua con sempre più forza ad occuparsi di problematiche riguardanti la tossicodipendenza in particolare e la lotta al disagio più in generale.
L’attività svolta cerca di coprire tutti i settori possibili d’intervento delle sudette problematiche; dalla prevenzione dscf0252-300x225.jpgall’azione di recupero tenendo conto di tutti i soggetti coinvolti in una situazione di “disagio”: l’individuo portatore del disagio e la sua famiglia. Soprattutto per i componenti di quest’ultima è stato creato un ” Gruppo di Autoaiuto”.

Attualmente L’Associazione L’ALBA è impegnata non solo sul campo della lotta alla droga, attraverso incontri(”testimonianze”) che svolge presso scuole, parrocchie, altre associazioni, piazze ecc., di tutta la provincia di Latina. Il modificarsi di certe problematiche ed ad un’assunzione di una prospettiva più ampia hanno spinto l’attenzione e l’attività dell’Associazione anche verso altri ambiti, quali quelli dei cosidetti “minori a rischio”, dell’alcolismo, dell’handicap fisico e psichico. Azioni concrete sono state quelle di sviluppare ed attivare progetti in collaborazione con gli enti locali ed altre associazioni affinchè le persone colpite da un qualsiasi disagio possano avere una possibilità di cambiamento.

(tratto dal sito: http://www.associazionelalba.org)

Associazione L’ALBA – VOLONTARI CONTRO LA DROGAultima modifica: 2009-05-14T11:28:01+02:00da comunicattivalt
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento